Seleziona una pagina

DIEVOLE

Sono molte le regole per la buona viticoltura.
Ma la regola d’oro è una sola: lasciar la terra meglio di come la si è trovata. Ritornare indietro ai vignaioli nativi di Dievole, e alla popolazione capostipite dei vigneti, e ai primordiali tini-botte, è stato il grande passo avanti di Dievole. Partenze radicali. Il ventenne Mario Felice Schwenn diventa il custode di una tenuta in Toscana, il cui futuro sembrava perduto. In un atto di civile disobbedienza al suo datore di lavoro non si limita a farne il custode, ma con l’aiuto di investitori, aiuta le famiglie contadine di Dievole – una tenuta di quattrocento ettari di terra senese – a rimettervi le loro radici ed a rigenerare novantasei ettari di vigna. E per venti vendemmie dirigo l’azienda, ne sono il presidente, l’alfiere nei mercati ed il creatore dei suoi brands. Dopo il mio avvicinamento di potenziali acquirenti della Società e fino alla potatura per il 2006, sono stato “Mario di Dievole”.
1986 – 2006 “Mario di Dievole”.Dievole S.p.a.: 96 ettari di vigna nella zona del Chianti Classico e Ospitalità (da zero a 80 posti letto). Co-fondatore e Presidente della Dievole S.p.A. e Amministratore della Mario di Dievole s.r.l., direzione generale e commerciale per 16 anni. Highlights dalla vendemmia 1986 alla potatura per il 2006: acquisizione di investitori, gestione degli investimenti immobiliari e vitivinicoli, concezione e realizzazione del brand Dievole e di voluminosi marchi propri (Divertimento, Fourplay, Pinocchio, Rinascimento, e l’international joint-wine seriale Plenum), eventi culturali, creazione della rete vendita in Italia di 60 agenti, commercializzazione autonoma in USA già dal 1992 (con Dievole USA), joint ventures con produttori internazionali, avvicinamento di potenziali acquirenti di Dievole S.p.a.

Pin It on Pinterest